lunedì 21 novembre 2011

La condanna delle Olgettine

"Troie"
"Puttane"
"Streghe"
Sputi che fendono l'aria e si stampano sul viso delle donne in catene, mentre vengono condotte al patibolo.
"Dovete morire"
"Vergogna"
"Serve di Satana"
Il boia dispone le donne una di fianco all'altra.
Un ometto insignificante sale le scale di legno, si ferma, le voci si affievoliscono fino al silenzio, l'uomo passa in rassegna i volti delle persone, legge le loro anime, volevamo Giustizia, per se stesse e per il proprio amato Paese.
Poi, spiega la pergamena che aveva in mano e inizia a leggere: "Noi Paris Madernino, giudice delegato della giurisdittione di Arcore volendo et intendendo venire all'espedittione del processo criminale formato da questo ufficio, contro: Barbara Guerra, Marianna e Manuela Ferrera, Ioana Visa, Miriam Loddo, Iris Berardi, Maristel Garcia Polanco, Raissa Skorkina, Barbara Faggioli, Alessandra Sorcinelli, Elisa Toti e Nicole Minetti, in quello, di quello et sopra quello che, non havendo il timor di Dio avanti agli occhi, nè gli mandati dalla Santa Madre Chiesa, ma sedote dal spirito infernale, Berlusconi, come nel processo appare:
ch'esse et cadauna d'esse han negato la nostra grande Democrazia, creatrice della Costituzione e della Giustizzia, trina e una, con haver renuntiato al sacramento del Voto, havendo fatta tal renuntia avanti il demonio in ispecie et forma umana, Berlusconi, seducendosi una per l'altra a comettere tal mancamento, e permettendo, per maggior damnatione delle lor anime, d'essere rebatizzate una dall'altra con nuova infusion di sborra sopra del capo, alla presenza dell'istesso demonio, Berlusconi, che in quell'atto sempre se ne stava, a guisa di leone, per alegrezza ruggiendo; mutandosi il suo vero nome, hauto nel fonte battesimale in alto nome comenticio, sotto il qual compiacevansi esser chiamate, e dal detto demonio, Berlusconi, essere signate in alcuna parte del corpo, con uccello fogato, dando rispettivamente a quello in segno della loro fedeltà verso di luì alcun fragmento della propria veste, per essere scanzelate dal libro d'eterna vita, e poste in quello di eterna damnatione;
pervenendo a tanta perfidia, inhumanità et empietà, che, non solo se stesse s'han consacrate al demonio, Berlusconi, ma indotte altre persone a renuntiare al sacramento predetto del Voto Democratico, e promesso quelle essere all'istesso demonio, Berlusconi, padre delle bugie, consacrate; al comando del quale, inimico del genere humano, s'eran obbligate far ogni sorta di mali e scelleratezze;
che con nefandissimo onto s'ontavano per prescrizione dell'istesso demonio, Berlusconi, in alcuna parte del corpo, e a hore comode erano portate dal demonio, Berlusconi, in ville e luoghi dove si faceano diversità e quantità d'incantationi, sortilegi, giochi bestiali, et hereticali stregamenti in honore e culto dell'istesso Priapo, principe di tutti li demonii;
portando in dette ville e maledetti congressi, statuette fatali e crocifissi al collo che furtivamente da negozi di bigiotteria exhumavano in tempo di notte; et quelli al demonio lor signore, Berlusconi, che tramutato in forma di becco sopra d'eminente trono se ne stava, offerivano, alcune parti di loro stesse;
maledicendo con le loro sacrileghe lingue et hereticali il nome della nostra grande Democrazia, del gloriosissimo Parlamento sempre immaculato e di tutti li Senatori a vita, tranne Andreotti, ogni volta che componevano li diabolici onti per commettere stregamenti, e fluidi corporei mescolando diversità di salive, carni et altre robe, con il Santissimo Crocifisso tra le tette, che con mani sacrileghe han comprato in negozietti di bigiotteria, quando nella santa Chiesa di Dio a quello indegnamente si sono accostate; facendo dani a persone, animali, e destrugendo diversità di sogni di vittoria del PD con trasmissioni televisive, richieste e pregunte; facendo alegreze, festini, e balli avanti le altre signore a sprezo della gran maestà della Dignità delle Donne, attribuendo il tutto a gloria del diavolo lor signore, Berlusconi;
aggiungendo sempre mali a mali, cometendo fornicatione e respetivamente sodomia insino coll'istesso diavolo, Berlusconi;
visto il processo con li testimoni essaminati e le intercettazioni telefoniche, dove manifestamente si comprova il corpo dei diversi delitti per esse comessi; oltreché havendo dato competente termine a dete ree per far le sue difese, et Iris Berardi e Maristel Garcia Polanco apsenti, citate e proclamate a comparere e presentarsi per scolparsi, nè curandosi comparere, ma restando tuttavia contumaci; qual contumacia le rendono più colpevoli di tanti delitti;
viste le dottissime difese e viste finalmente le cose che devonsi vedere; reinvocato il nome della Santissima Democrazia, da cui ogni retto e giusto giuditio procede; sedendo in questo luogo pro tribunali; sententiamo e condanamo le predette Barbara Guerra, Marianna e Manuela Ferrera, Ioana Visa, Miriam Loddo, Iris Berardi, Maristel Garcia Polanco, Raissa Skorkina, Barbara Faggioli, Alessandra Sorcinelli e Elisa Toti che per il ministro di giustizia a tutte, et a ciascuna di esse, gli sii tagliata la testa dal busto, a tal che se ne morino e l'anime loro si separino dalli corpi: et inoltre li cadaveri vengano abbruciati e le reliquie sepelite. Nicole Minetti, cognominata la Consigliera, altra complice in detti delitti, morta in queste carceri impenitente, e di già sepelita come strega, acciò pe' suoi misfatti non resti n'anco al mondo vestigia alcuna, danamo il nome di quella, assieme con la sua memoria, e tutti li beni di quella e cadauno d'essi, situati in questa Giurisdittione, pronuntiamo al Fisco di Arcore per confiscati".
E alla buon'ora, la Giustizia trionfò. 

4 commenti:

  1. AL ROGO! AL ROGO! AL ROGO!

    Lo sapevo io che finiva male.Del resto cos'altro aspettarsi da un popolo?

    RispondiElimina
  2. Niente di più, niente di meno. ;)

    RispondiElimina
  3. Epperò sono sempre stupefatto (e loro invece, tumefatti) da quanto sia facile far fare alla massa quel cazzo che ti pare.

    Ma Freud, nella filosofia delle masse, l'aveva già detto cent'anni fa, e io mica sono Jung, per contraddirlo.

    RispondiElimina
  4. Purtroppo è esattamente così, non siamo Jung.

    Ad ogni modo, quando si riesce a radicalizzare lo scontro, è sempre semplice trovare masse schierate.
    Pochissimi riescono ad accettare di vivere nel grigio, preferendo o il bianco o il nero.

    RispondiElimina